Premio Ucare per la Narrazione 2012

 

logo_premiazione_2

Milano, 29 novembre 2012 – Sono stati proclamati ieri, mercoledì 28 novembre 2012 presso Palazzo Visconti di Milano, i tre racconti vincitori del Premio Ucare per la Narrazione 2012. Il concorso, indetto lo scorso marzo dalla Fondazione Giancarlo Quarta Onlus, era dedicato a medici scrittori che hanno affrontato il tema della "Cura" attraverso la narrazione.

Ad aggiudicarsi il primo premio, è stato il racconto "Tsunami" della giovane geriatra Serena Sarra.
Il secondo premio è stato conquistato da "Lettoundici", della specializzanda romana Chiara Fiorentino.
Il terzo premio è andato a "L'ECG delle vocali", scritto dal palermitano Salvatore Vasta, specialista in anestesia e rianimazione.

A condurre la serata di premiazione, oltre a Lucia Giudetti Quarta e Alan Pampallona, rispettivamente presidente e managing director di FGQ Onlus, il famoso giornalista e scrittore Corrado Augias, presidente della Giuria. "L'iniziativa - ha dichiarato Augias - è importante per almeno due aspetti. Il primo è specifico: ha stimolato centouno medici  a scrivere 118 racconti. Scrivere significa riflettere sulla propria professione, in questo caso sulla condizione di medico. In un'epoca in cui anche la medicina tende a specializzarsi questo è già un bene in sé. Specializzarsi significa certo acquistare maggiore competenza ed efficacia ma per contro vuol dire anche una visione spesso parcellizzata del proprio operare. Qui – ha proseguito Augias - si innesta il secondo aspetto pregevole di quest'iniziativa: scrivere significa appunto recuperare l'aspetto umanistico della professione medica, considerare non l'organo ma l'essere umano tutto intero. Ci sono poi i risultati raggiunti. I tre racconti premiati dalla giuria che ho avuto il privilegio di presiedere sono degni di pubblicazione e spero che questo avvenga. Parecchi altri racconti erano di un livello quasi equivalente. La scelta non è stata facile anche se dopo aver molto riflettuto la ritengo giusta".

La serata è stata animata dagli interventi di alcuni giurati del Premio, che via via si sono susseguiti sul palco insieme ai medici premiati, sottolineando le peculiarità di ciascun racconto. Lo scrittore Rodolfo Colarizi ha commentato il terzo classificato, "L'ECG delle vocali", che ha come protagonista un bambino all'apparenza difficile, le cui "ferite" affettive vengono guarite da quella che ai suoi occhi appare solo come una semplice e dolce maestra. Il secondo classificato, "Lettoundici", che affronta su due binari paralleli il senso di impotenza e di rassegnazione di fronte alla malattia di una giovane paziente e della sua altrettanto giovane dottoressa, è stato invece elogiato dal giornalista Vladimiro Polchi. È toccato infine alla sceneggiatrice Nerina Fiumanò l'importante compito di esprimere le sue riflessioni e il suo apprezzamento per il vincitore "Tsunami". Il racconto delinea con immagini intense e commoventi i sentimenti e le sensazioni di un uomo anziano al quale l'avanzare dell'età sta portando via l'intero bagaglio dei ricordi.

La serata ha visto inoltre la partecipazione dell'attrice Marina Senesi, la quale ha offerto momenti di riflessione e commozione, tramite una sapiente interpretazione di alcuni estratti dei tre racconti vincitori. Infine, la giornalista Franca Porciani ha presentato una panoramica su alcuni racconti pervenuti che, seppur non premiati, sono stati particolarmente apprezzati, il medico-scrittore Marco Venturino ha affrontato il tema del medico scrittore, sottolineando l'importanza di esprimere le proprie esperienze personali e professionali.