autobiografia

La Fondazione Giancarlo Quarta Onlus propone dei corsi su

L’autobiografia come cura di sé. Laboratorio di scrittura e narrazione”.
Conduce Sonia Scarpante, architetto, scrittrice, poetessa ed esperta di scrittura autobiografica e contesti di malattia.
Ciascun corso è dedicato e rivolto a coloro che stanno attraversando o hanno attraversato un percorso di malattia e che desiderano sperimentare un percorso che, attraverso tematiche come la sofferenza, aiutino ad approfondire la conoscenza di sè e la riconciliazione con se stessi.
Attraverso questo percorso si cercherà di entrare nelle emozioni per farne un punto di forza e di sostegno.
In particolare gli incontri verteranno su microscritture narrative legate all’infanzia, all’adolescenza e all’età adulta.
La scrittura autobiografica è intesa, in questo contesto, come memoria e come cura delle affettività ferite.
Ogni corso è strutturato in tre incontri della durata di tre ore ciascuno e tenuto presso la sede della Fondazione Giancarlo Quarta Onlus, via Baldissera 2/a, 20129 Milano.
La partecipazione al corso è gratuita, fino ad esaurimento posti.
I prossimi incontri si terranno nelle seguenti date:


3° corso 2012: 8 – 15 – 22 – Maggio 2012
4° corso 2012: 6 – 13 – 20 Giugno 2012

Tutti i corsi si terranno dalle ore 14,30 alle 17,30.

Per informazioni e per dare la propria adesione


 
scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonare al numero 02 29 51 47 25
 

15° corso: 14 – 21 – 28 – Settembre 2011

 

16° corso: 6 – 13 – 20 Ottobre 2011

 

17° corso: 25 Ottobre – 2 – 8 Novembre 2011

 

18° corso: 16 – 23 – 30 Novembre 2011

 

19° corso: 1 – 12 – 19 Dicembre 2011

Le paure dei pazienti ci risvegliano le nostre paure

Cara Sonia, 
come stai? scusa il ritardo ma è da un po' che sono in fibrillazione per motivi di lavoro. Mancano 5 medici, abbiamo tanti problemi, tanti turni e tanta stanchezza così ho traascurato le cose che preferisco. Comunque in una delle mie notti di guardia, quando ancora si viveva...!!! ho scritto delle riflessioni che solo oggi riesco a riportarti.  

Leggi tutto: Le paure dei pazienti ci risvegliano le nostre paure

Sono lacrime liberatorie

Ciao,  
Mi sento di farti sapere quello che penso.  
Partecipare a questo corso è per me come aprire una porta che prima non avevo mai aperto, scoprire un modo di raccontarsi che ti fa stare bene, ad ogni incontro piango, ma sono lacrime liberatorie e quando torno a casa mi sento più serena e felice.  
Mi hai aiutata a capire perchè provavo certi sentimenti nei confronti di mia madre, mi hai fatto vedere dentro dove si annida il male che non si vede ma c'è, il male che non si vede sono le emozioni negative: la rabbia, i sensi di colpa..  
Sto anche imparando a capire molte cose che sicuramente mi aiuteranno a realizzare il mio obiettivo, aiutare le persone anziane.  
Non so cosa a dire per manifestare il senso di gratitudine che provo.......  
GRAZIE.
Antonella

E' grande il bisogno di raccontarsi

Da alcuni anni faccio parte di una nota Associazione che offre sostegno ai bambini ricoverati in ospedale ed alle loro famiglie. In particolare mi occupo della formazione dei nostri numerosi volontari.
Ho seguito alcuni corsi di aggiornamento per svolgere al meglio questa attività ma oggi partecipo ad un corso solo per me. 
Entro, per la prima volta, nella sede della Fondazione Giancarlo Quarta che lo ospita, l'ambiente è soft e accogliente. Mi invitano ad accomodarmi in una sala riunioni dove ci sono già altre persone, per ora sono donne. Sul tavolo alcune graziose ciotole con dei biscottini e per ognuna di noi un blok notes di carta immacolata. Già mi piace questa cosa! 
Attendiamo tutte l'arrivo di Sonia, la nostra docente, non ci conosciamo tra di noi, siamo qui per un corso di scrittura autobiografica. Non solo, l'esperienza che ci accomuna, sebbene con risvolti diversi per ognuna di noi, è quella della malattia grave che un giorno, più o meno all'improvviso, è entrata prepotentemente a far parte della nostra vita. 

Leggi tutto: E' grande il bisogno di raccontarsi