Leggi le storie

Sto bene e faccio tutto quello che facevo prima

Tutto è iniziato quando avevo circa 25 anni, ora ne ho 48: ho iniziato ad avere un fastidioso mal di testa che all'inizio non avendolo mai avuto non sapevo riconoscere. Pensavo si trattasse di mal di denti o mal di orecchie perché il dolore si diffondeva al nervo facciale e, di conseguenza, prendeva denti e orecchio.

All'inizio prendevo antidolorifici per mal di denti e naturalmente spariva anche il mal di testa. Dopo circa 10 anni ho scoperto che avevo la famigerata emicrania, diagnosticata da specialisti vari. Ero arrivato al punto di provare dolore giornaliero ed entrai nel mondo di un famoso farmaco antidolorifico: era l'unico farmaco che mi faceva sparire il mal di testa, che era diventato insopportabile e mi costringeva a una vita problematica.

Poi, arrivato a 30anni, una bella mattina che dovevo operarmi per tunnel carpale (una sciocchezza), i medici ortopedici si rifiutano di eseguire l'intervento in seguito ad un risultato strano di un valore riscontrato agli esami: la famigerata creatinina 3,3... Panico generale.

Nefrologo e medici sono concordi che anni di assunzione di antidolorifici avevano avuto i loro effetti... Inizio una dieta ipoproteica ferrea: tutto a spese mie e di mia moglie per ben 4 anni, tutto per ritardare la parola dialisi che fa paura...

Alla fine creatinina 8 e, indovinate?, fistola fav al braccio e, poi, giù con 6 anni di emodialisi che incredibilmente il mio corpo sopporta benissimo anche perché continuo ad urinare 2 litri al giorno, in pratica ho continuato a lavorare per tutti gli anni della terapia in modo normale...

Staccavo all'una ed alle tre andavo in negozio a vendere mobili e la cosa che ho notato è stata che se rimani in qualche modo attivo nessuno si accorge che fai dialisi nemmeno tu...

Una sera del dicembre del 2012 arriva la chiamata dall'ospedale per il trapianto: detto fatto! La sera mi opero e la mattina tutto ok rene ok intervento pure ... Al 13 giorno, però, mi si gonfia di colpo una gamba.

I medici pensano una trombosi all'arto e mi fanno delle iniezioni di eparina sodica da me largamente conosciuta (a proposito non era trombosi). Alle terza puntura: apriti cielo! La sera del 25, forse è meglio dire Natale, emorragia interna, dolore da non classificare, schiena tutta nera dal sangue, intervento urgente.

Mia moglie corre e fa 120 km di notte per assistermi... Va tutto bene. Il mattino seguente la tensione è passata e si ridacchia un po' della paura passata. Intanto urinavo 100 grammi al dì. Ok, penso, passerà ed il rene ripartirà... Invece passano 5 giorni e la sera di Capodanno altra emorragia altra chiamata a mia moglie e stavolta scese tutta la banda ad assistermi forse perché anche i medici, che già si erano preoccupati la prima volta, pensavano al peggio... Ancora una volta va tutto bene e la mattina seguente mi sveglio dopo il terzo intervento con terza anestesia e con il rene nuovo spompato come un maratoneta. Dal giorno dopo creatinina è di nuovo a 8.

Riinizio la dialisi per 21 giorni di fila o quasi, leggendo dalle labbra del professore che il rene sarebbe ripartito... quando non si sa... invece dopo aver urinato 10 grammi poi 20 ecc. ecc., dopo una quarantina di giorni il rene finalmente riparte...

Ora dopo un anno e mezzo e tantissime visite di controllo e una polmonite fulminante (perché mi spiegavano che gli anticorpi sono andati in ferie) devo dire che sto bene faccio tutto ma proprio tutto quello che facevo prima...

 

Aggiungi commento


Ultimi commenti

  • Buongiorno, leggere la storia di Mauro dà speranza, ed è fondamentale, è vero. Ho 46 anni e sono entrata da un giorno all'altro in ...

    Leggi tutto...

     
  • Ciao sono un collega medico che sta vivendo il tuo stesso dramma. Stessa sintomatologia e stessa diagnosi. Ho fatto un primo ciclo ...

    Leggi tutto...

     
  • Mia madre ha gli stessi sintomi.... Non riusciamo a trovare la giusta strada il neurologo ha parlato di neuropatia... Gli ha dato ...

    Leggi tutto...